Sagra dal Caplaz - Coronella


Sagra dal Caplaz - 27ª edizione
Quando: dal 21 al 24 e dal 28 al 31 agosto 2014
Dove: Coronella, campo sportivo di via Coronella
Organizzazione: A.D. Polisportiva Coronella 
Informazioni: 0532-827379, 340-3464450

Un gruppo di volontari della Sagra dal Caplaz presso la struttura allestita nell'impianto sportivo di Coronella.

La sagra è organizzata dalla Polisportiva Coronella per sostenere le proprie attività sportive, sociali e aggregative.
Il segreto del successo di questo appuntamento enogastronomico di fine estate sta nella perizia dei volontari: le più esperte zdore del paese, depositarie dei segreti del cappellaccio, ne preparano migliaia, nel rispetto della più tradizionale delle ricette e senza lesinare sugli ingredienti (migliaia di uova, quintali di purè di zucca, formaggio a volontà) per ottenere un prodotto di alta qualità; i cuochi danno il tocco finale tirando i cappellacci in padella per far sì che la pasta assorba il condimento e acquisti consistenza al palato.

Menù: Cappellacci con la zucca al ragù, Cappellacci con la zucca al burro e salvia, Pappardelle alla lepre,  Pappardelle al ragù, Bigoli all'anatra. Salamina con purè, Fiorentina, Somarino con polenta, Grigliata di carne, Stinco al forno con patatine, Salsiccia, Polenta pasticciata alla lepre. Insalata mista, Patate fritte, Purè. Dolci. Semifreddi. Bevande e un'ampia scelta di vini di qualità.

Il cappellaccio è un delicato impasto di zucca, parmigiano, noce moscata e sale, ravvolto in una sfoglia tagliata a quadrati.
Le origini di questo primo piatto risalgono al tempo degli Estensi: la più antica ricetta data all'anno 1584 e fu redatta da Giovan Battista Rossetti, scalco di Lucrezia d'Este, che inserì i "tortelli di zucca con butirro" nel suo trattato "Sullo Scalco".
I caplaz, connubio fra dolce e salato molto apprezzato in epoca rinascimentale, erano un cibo di corte e una presenza ricorrente e graditissima da agosto fino a gennaio.

Ricetta dei cappellacci di zucca
Ingredienti (per 6 persone).
Per il ripieno: 800 gr. di zucca cotta al forno, 300 gr. di parmigiano grattugiato, 1 piccola noce moscata grattugiata. Per la sfoglia: 600 gr. di farina, 6 uova, 1 pizzico di sale. Per il condimento: 100 gr. di burro, 60 gr. di parmigiano grattugiato oppure ragù di carne.
Preparate il monte della farina, versate il sale e le uova nella cavità e impastate la sfoglia: lasciatela quindi riposare in una terrina coperta. Pulite la zucca dai filamenti e dalla scorza e mettetela in una terrina con gli ingredienti sopra indicati: preparate il ripieno che dovrà risultare morbido.
Tirate la sfoglia, ritagliate con la rotella dentata dei quadretti in modo che i cappellacci vengano grandi 4 cm circa e distribuite sopra un po' di ripieno: unite le punte di ciascun quadretto in modo da formare un triangolo ben imbottito, premete bene ai lati e saldate ad anello le punte.
Cuocete i cappellacci in abbondante acqua bollente, spegnendo il fuoco quando sono ancora sodi. Scolateli, conditeli con abbondante burro fuso e salvia o con il ragù e serviteli con una spolverata di parmigiano grattugiato.
torna all'inizio del contenuto